Patrizia

PATRIZIA VITA

bnb L’Ortigiana

 

Patrizia Vita aveva un bed and breakfast a Ussita, nel cuore del Parco nazionale dei Monti Sibillini. Un posto speciale. É arrivato il terremoto, e il bnb non esiste più. Ma Patrizia c’è ancora, eccome se c’è, ed è quello che più conta. “Non lasceremo mai sola questa terra – dice – non c’è un altro posto in cui vorremmo stare. Io qui mi sento a casa”. Ma “Non siamo né eroi né reduci. Qualcuno doveva rimanere”. Perché casa è veramente quel posto che ti porti dentro, e l’importante è che con te ci siano le persone giuste.

 

“Mi chiedono: La tua casa? Il tuo lavoro? E io rispondo che non ho più una casa e nemmeno un lavoro perché la mia casa era il mio lavoro, la casa dell’Ortigiana. Anche solo il nome racchiudeva tutto, orto e artigiana, quello che volevo fare, insieme all’accoglienza. Il 2016 stava andando molto bene. È passato un anno dal 24 agosto, troppe cose sono successe e quello che facevo prima è come un ricordo sbiadito. Troppo presto per pensare al futuro lontano, ora si vive all’ora. Devo imparare. Resilienza”.

Patrizia Vita used to have a  bed and breakfast in Ussita, right in the heart of “Sibillini National Park”: a special place. But the earthquake came, and the b&b does not exist anymore. But Patrizia is still there, and this is the crucial thing.
“We are not gonna leave this land” she says “there is no other place we want to stay. I feel home here”. But “We are not heroes, or veterans. Simply someone had to stay”.  Because home is really that place you bring inside yourself, and the most important thing is that the right people are with you at the right moment.

 

“They ask me: ‘Your house? Your job?’ and I reply that I don’t have a house anymore, as well as a job, because my house was my job too: ‘the Ortigiana house’. And just the name was significant of everything my job was about:  a ‘vegetable garden’ and an ‘artisan’, everything that I wanted to do, together with welcoming people. And the 2016 was going really well”.

 

More than a year has passed now after the 24th of August. “Too may things have happened and what I used to do it’s just a faded memory now. It’s too early to think about the long distant future: now we live moment by moment. I’ve got to learn: Resilience”.